Lunedi, 25 settembre 2017 - ORE:04:47

Fertilità ed Età: sempre più Mamme over 40

E’ notizia di quest’ultimi giorni, se non di qualche anno, che il traguardo della maternità è teso sempre più a spostarsi nel tempo: se negli anni ‘ 90 l’età media del primo figlio era compresa tra i 22 e i 24 anni, adesso si aggira intorno dai 35 ai gettonatissimi 40 anni e passa.

Secondo i dati Eurostat, rilevati negli ultimi quattro anni, sembra che le madri over 40 siano aumentate di oltre il 5,3% in Italia e del 5,2% in Svizzera. Portando così l’età media della prima gravidanza verso i 31- 32 anni, tra le più alte in Europa, seguite da Irlanda e Spagna.

Ma il cambiamento culturale che più si configura, e domina il “teatro” del XXI, è pensare soprattutto al primo figlio solo in età adulta.

I principali motivi delle cosiddette “gravidanze fuori tempo massimo”?
Senza ombra dubbio emerge il dato relativo ad avere, prima di fare un figlio, un buon benessere economico legato ad un posto lavorativo, meglio ancora se fisso e certo. Poi esiste la paura del “pancione”, e infine c’è chi fatica a trovare il “principe azzurro” con cui mettere su casa e famiglia. Insomma le ragioni per posticipare, in maniera volontaria o meno, una maternità ce ne sono eccome!!

Tale fenomeno riguarda donne comuni e star : da Monica Bellucci,oggi splendida 48enne, che tre anni fa ha avuto il secondo bambino, Nicole Kidman, Licia Colò, Antonella Clerici, Halle Berry alla showgirl di “Cicale”, Heather Parisi, oggi 52enne madre di due gemelli partoriti due anni fa.
Donne di spettacolo che senza dubbio contribuiscono a dare il messaggio che anche dopo i 40 si può ricominciare e raggiungere il traguardo di diventare (neo) mamme. E c’è chi parla di una vera e propria “rinascita” raggiunta la soglia degli “anta”.

L’opinione pubblica si divide: chi è pro e chi è contro una gravidanza tardiva.

Il “duello” verbale si fa molto fitto e aspro, soprattutto in relazione al fattore “età” e “fertilità” che dopo una certa soglia inizia a flettersi e diminuisce l’attendibilità di rimanere incinta. Perché a 23 anni ogni ovulazione ha il 26% di probabilità di trasformarsi in un concepimento, a 39 anni l’eventualità si dimezza, a 40 sono del 10% , dunque molto basse, e a 43 tra il 7- 4%, poi sempre meno.

Spiega lo specialista in medicina della riproduzione del centro per la fertilità ProCrea di Lugano, Thierry Suter. Che non si schiera contro il diventare mamme, varcata la soglia dei 40, che è possibilissimo in una società dalle tecniche di riproduzione sempre più sofisticate, ma che bisogna sempre tenere d’occhio il nostro “orologio biologico”. Un alleato della fertilità, insieme al tempo, è uno stile di vita sano e controllato, fatto da costanti controlli, esami e visite mediche per stare dietro alla nostra salute, nonché per prevenire , o contrastare, eventuali infezioni o malattie nell’apparato riproduttivo.

E’ meglio una mamma giovane rispetto a una over 40 ?

Qui il dibattito si fa interessante: stando ad una ricerca condotta in America si tende ad apprezzare di più una donna adulta che appare pratica, saggia, con esperienza, ed economicamente più stabile, in quanto hanno avuto maggiore tempo per realizzarsi sul lavoro e nella vita in generale. Inoltre sarebbero madri migliori secondo un’ottica psicologica, in quanto non hanno dovuto sacrificare se stesse, o andare in maternità dopo pochi mesi , o anni, dalla loro professione lavorativa. I figli ne trarrebbero giovamento e felicità : perché da un lato hanno più tempo a disposizione per dedicare alla famiglia e , d’altro canto, vedere la propria mamma “in carriera” e appagata di sé fa bene al proprio bambino.

Ma come sottolineano molti psicologi e pediatri, come il dottore Paolo Sarti,” per molti bambini è essenziale avere una madre giovane, che fa progetti, costruisce casa, cresce sul lavoro. Una madre troppo “adulta” non farebbe bene al suo sviluppo”.
Continua Sarti dicendo che “ fare figli tardi è un errore biologico e sociale”.

Fronteggiato dalla tesi della direttrice del centro di psicologia per la famiglia, Letizia Maduli, che invece è convinta che una gravidanza condotta dalle belle e dinamiche quarantenni di oggi non sia un problema. E precisa che una donna di questa fascia di età, avrà quasi per certo solo un figlio, sul quale si butterà addosso come una “piovra” , in maniera ossessiva e soffocante.

Insomma un pot-pourri di punti di vista, ma un’unica certezza per chi diventa a qualsiasi età mamma: quella che avere un figlio, portarlo nel pancione per 9 mesi, come se fosse “un fiore misterioso, un’orchidea trasparente” , sentirlo scalciare e muoversi, è una delle gioie più speciali e straordinarie che esistano al mondo.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 4 minutes, 30 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.