Sabato, 22 luglio 2017 - ORE:20:46

Tra storia e profumi: Robert Piguet e le sue fragranze


robert piguet

La storia del signor Robert Piguet

Girovagando per siti modaioli a tinte rosa, mi sono imbattuta in una deliziosa descrizione del mio storico profumo: Fracas. La  fragranza è firmata dallo stilista ” più parigino dei parigini” Robert Piguet, nato nel 1898 a Yverdon, nel cantone Vaud della Svizzera. Piguet cresce in una famiglia di ricchi banchieri ma, a dispetto delle aspettative del padre,il giovane Robert dimostra uno spiccato interesse per la moda invece che per la finanza, infatti, a soli 19 anni, si trasferisce a Parigi con l’intenzione di aprire una boutique a nome proprio.

Tra il 1917 e il 1933 il giovane aspirante stilista passa una dura gavetta, fallito il primo tentativo di aprire un suo salone, lavora presso grandi guru della moda come Poiret e Redfern. Nel 1938 il suo sogno di aprire una casa di moda si avvera:si stabilisce quindi sul Rond Point des Champs Elysees.

Nel giro di pochi anni Robert Piguet diventa uno tra gli stilisti più ricercati della Francia, a lui si rivolgono grandi celebrità come Colette e la cantante Edith Piaf.  Alla la boutique di Piguet lavorano, come apprendisti, gli attuali grandi magnati della moda mondiale, Christian Dior, Huber de Givenchy e Pierre Balmain.

Robert non è soltanto rinomato per il suo innato talento per la moda,ma anche perchè le fragranze lanciate dalla sua casa di moda lasceranno un indelebile traccia (olfattiva) nel corso della storia. Nel 1942 esce Bandit, un profumo creato dalla prima donna ”naso” Germaile Cellier, e stando alle parole di un’amica dello stilista:  “forte, violento… una fragranza da bandito!”.

Fracas di Piguet

Successivamente furono lanciati Visa e Fracas, Baghari, Futur, Calypso e Cravache (unica fragranza maschile arricchita da un mix di mandarino,patchouli, vetivier, noce moscata, lavanda e citrus) . A mio avviso il profumo che più ha segnato la carriera di Piguet è stato Fracas, deciso e allo stesso tempo molto sensuale, delinea una nuova immagine di donna, dolce e seduttiva, un mix di caretteri che all’epoca erano schiettamente avanguardisti.

Fracas conquista ancora i cuori ( e i nasi) delle celebrità attuali, per le amanti del gossip ecco alcune delle donne più in vista appassionate di Fracas: la Principessa Carolina di Monaco, Madonna, Kim Basinger, Morgan Fairchild, Carolina Herrera, l’ereditiera Blaine Trump, Courtney Love e la regista Sofia Coppola.

fracasIl profumo ha un nome dal quale ne si può intuire subito il carattere, in francese infatti ”Fracas” significa ”tumultuoso fracasso”. La formula viene creata da Germaine Cellier, dopo Bandit e Visa.  Fracas irrompe sulla scena del 1948, è una fragranza iperfemminile e sensuale, creata appositamente per una donna enigmatica, prorompete. Vietato eccedere nell’uso, massimo due spruzzi, Fracas non può essere indossato come una fragranza qualunque, è un profumo d’occasione, un profumo da cena a lume di candela. Impegnativo. Risaputo è inoltre il fatto che un profumo cambi le sue note olfattive a seconda della pelle che lo porta, Fracas per questo è stato oggetto di numerose diatribe tra chi lo considerava eccessivamente forte e chi invece ne difende la dolcezza della tuberosa. Trovo affascinanti questi numerosi tabù imposti dal carattere profondamente conturbante della fragranza, quando infatti una donna indossa Fracas non è mai per una quotidiana abitudine, essa lascia dietro di sè un tocco di arancio e gelsomino che non passano inosservati.

 

Un fondo caldo e fiorito di tuberosa, un tocco lieve d’arancio sul quale si sviluppa, intenso e conturbante, un bouquet di fiori bianchi e gelsomino.

Per le grandi amanti di Piguet lascio un piccolo regalo, un sito dove poter acquistare i ricercatissimi flaconi.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 3 minutes, 53 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.